Alessandro Casciaro
Art Gallery
ita / deu / eng
alessandro casciaro logo
TOP top

Sissa
Micheli

On the Process of Shaping an Idea into Form through Mental Modelling

10.03. 27.04.2017
Alessandro Casciaro
Art Gallery
<
>
X
micheli, sissa micheli, on the process of shaping an idea into form through mental modelling, galleria alessandro casciaro micheli, sissa micheli, fotografia, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro micheli, sissa micheli, fotografia, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro micheli, sissa micheli, fotografia, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro micheli, sissa micheli, fotografia, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro micheli, sissa micheli, fotografia, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro micheli, sissa micheli, fotografia, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro
Quattro anni dopo la sua ultima mostra personale nella galleria, Sissa Micheli presenta un nuovo ed emozionante ciclo di opere tra fotografia e film.
Indumenti vengono lanciati dentro l’inquadratura, la macchina da presa riprende il loro breve volo. Poi lo scatto della fotocamera, un momento scelto viene catturato e memorizzato, mentre nel frattempo l’indumento è ormai caduto per terra. Indumenti sempre nuovi volano e si irrigidiscono, ogni sequenza di filmato finisce in un freeze frame, culminando, per così dire, nel “momento decisivo”, in cui i tessili deformabili vengono colati in una forma definitiva. Corpi in movimento attraversano gli spazi figurativi immobili che diventano ricettacoli per i proiettili, prima che questi raggiungano il punto finale della traiettoria. Una voce fuoricampo accompagna il volo delle camicie e delle gonne nell’ex quartiere del tessile di Londra, riflettendo sul Process of Shaping an Idea into Form through Mental Modelling: il rapporto tra fotografia e film, l’istante contrapposto alla durata, nonché l’atto di trasposizione tra calcolo e “Unknown Knowns”[1]. Perché le sculture tessili nelle fotografie sono sì profilate, ma sono tanti i fattori come accelerazione, resistenza dell’aria, forza di gravità etc. che hanno condizionato la loro forma. In questo processo Micheli vede un parallelismo con la materializzazione di idee artistiche: “I have a mental model but I do not know what the final picture will look like”, dice la voce fuoricampo. Con il gioco al limite tra fotografia e film si accenna inevitabilmente a un rapporto concorrenziale tra i due mezzi, l’idea che ogni fotografia, in fin dei conti, è preceduta da un “film”, è ovvia, e come nel cortometraggio di James Williamsons “The Big Swallow”, uscito nel 1901, vengono contrapposti in modo spensierato i due mezzi.

Sissa Micheli è nata nel 1975 a Brunico in Italia. Dal 2000 al 2002 ha frequentato la scuola per fotografia artistica Friedl Kubelka a Vienna e dal 2002 al 2007 ha studiato presso l'Accademia delle Belle Arti di Vienna con i professori Franz Graf, Gunther Damisch e Matthias Herrmann, diplomandosi con lode. Sissa Micheli ha ricevuto numerosi premi e borse di studio, tra cui nel 2008 il Premio dell’Accademia di Vienna e il Premio Pagine Bianche d'Autore, Milano, nel 2009 e 2013 l’Atelierstipendium Londra e Parigi del BKA e nel 2015 la borsa di studio dello Stato per fotografia artistica. Nel 2016 le è stato conferito il premio “artista dell’anno” del Südtiroler Künstlerbund e del HGV. Ha allestito numerose mostre personali e collettive, nazionali e internazionali, ed è presente in collezioni pubbliche e private. Sissa Micheli vive e lavora a Vienna.
 
[1] Slavoj Zizek
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.