Alessandro Casciaro
Art Gallery
ita / deu / eng
alessandro casciaro logo
TOP top

Margareth
Dorigatti

Alessandro Casciaro
Art Gallery
<
>
X
dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro dorigatti, margareth dorigatti, pittura, mixed media, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro
In un percorso artistico impegnato preferibilmente sul versante figurativo, con esplorazioni seriali concentratesi di volta in volta su specifici soggetti e in ambiti diversi (dalla scenografia alla grande pittura murale, dalla fotografia alla musica e alla letteratura), il tema dei pianeti, che appare come la naturale prosecuzione del ciclo Luna/Mond del 2014–2016, ha ora condotto Margareth Dorigatti a esprimersi in un linguaggio ancor più propriamente astratto, sempre meditato con la cura e la profondità che le sono proprie, epilogo cioè di un lungo, rigoroso processo di studio e approfondimento.
Per ogni pianeta, per ogni divinità, si potrebbe dire persino per ogni colore, ci troviamo di fronte a una sorta di ritratto, in cui Margareth ha riversato il proprio sentimento di esso e condensato il proprio rapporto personale, rivelando a noi e a se stessa la chiave interpretativa che a ciascuno soggiace. Così, in un racconto mai banale, la forza assoluta di Marte, la seducente bellezza di Venere, la complessità conflittuale di Saturno, la misteriosa delicatezza lunare o la divina superiorità di Giove ci vengono manifestati per colori e forme ad ognuno peculiari: attributi complementari e analogici che caricano di tensione e di sorprendente energia il dipinto eppure, al tempo stesso, gli restituiscono magicamente una sottile valenza ironica, che rende il gioco sempre acuto e intelligente.

Flavia Pesci

 

Biografia

Nasce a Bolzano nel 1954. Studi di pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia e successivamente all’Università delle Arti a Berlino, Facoltà di Comunicazione Visiva con specializzazione in Pittura, Grafica, Graphic-Design, Layout e Fotografia dove si diploma nel 1983. Dopo un semestre di studi a New York inizia la sua attività di pittrice prima a Berlino, poi a Roma. Contemporaneamente vince la cattedra di Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove insegna fino al 2005, e successivamente ottiene la cattedra all’Accademia di Belle Arti a Roma. Tiene lezioni come Professore Ospite presso l’Universität der Künste Berlin e alla Akademie der Künste München. Vive e lavora tra Roma e Berlino.
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.