Alessandro Casciaro
Art Gallery
ita / deu / eng
alessandro casciaro logo
TOP top

Michele
Bubacco

F**k-simile

05.05. 30.06.2017
Alessandro Casciaro
Art Gallery
X
<
bubacco, michele bubacco, pittura, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro bubacco, michele bubacco, pittura, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro bubacco, michele bubacco, pittura, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro bubacco, michele bubacco, pittura, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro bubacco, michele bubacco, pittura, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro bubacco, michele bubacco, pittura, arte contemporanea, galleria alessandro casciaro
>
La galleria Alessandro Casciaro è lieta di presentare nei suoi spazi espositivi la prima mostra personale di Michele Bubacco (Venezia, 1983).
L’esposizione presenta un ciclo inedito di dipinti su tela di grande formato in dialogo con una serie di stampe in formato poster, incollate su tavole in alluminio e installate sulla parete di fronte.
La mostra è accompagnata da un testo critico di Giusi Diana.

"Chroma key e pittura, un connubio solo apparentemente insolito, è all'origine di immagini inquiete e nomadiche che attingono all'immaginario tecnologico. La pittura, un certo tipo di pittura che ha rinunciato alla necessità della rappresentazione in favore della libertà dell'accadimemto, ha sempre privilegiato la comparsa dello spazio vuoto. E quando il vuoto si manifesta, si passa dal campo dell'immagine diacronica a quello dell'immagine sincronica. E' ciò che accade nei dipinti recenti di Michele Bubacco, in cui una porzione (intarsio), o un intero campo cromatico è occupato dal colore verde usato nel chroma key (green screen) per realizzare gli effetti speciali. Ne conseguono delle possibilità ricombinatorie, che a partire dal dipinto originale, con il suo campo vuoto ricco di possibilità, dà origine ad immagini a stampa, in cui la pittura fotografata si scontra con scatti da fotocamera digitale.
L'originale pittorico, con il suo vuoto verde, nella sua fissità iconica, si fronteggia in mostra con le diverse copie (fac-simile) stampate, che rimettono tutto in discussione, in un eterno loop”.

Michele Bubacco nasce nel 1983 a Venezia, dove vive le prime esperienze che lo segnano come pittore, incontrando le opere dei grandi maestri veneziani del passato ma anche dei protagonisti del contemporaneo.
Ha uno studio sull’isola di Murano e un altro a Vienna, dove si è trasferito nel 2015 e dove attualmente risiede e lavora.
 
Selezione mostre:
2016:
“Un-becoming”, Fridman Gallery, New York (USA);
“Premio fondazione VAF - Posizioni attuali dell’arte italiana”, Kunstsammlungen, Chemnitz (D), Stadtgalerie Kiel (D), MACRO, Roma;
“Your bones”, solo exhibition, Galerie Rompone, Köln (D);
“Anaconda”, Kulturkirche Ost, Köln (D),
“Danse Macabre“, Michele Bubacco e Monte Coleman, Louis B James Gallery, New York City (USA);
“Autoselbstfahrer”, Rompone Kunstsalon, Köln (D);
“Serenade”, solo exhibition, David Richard Gallery, Santa Fe (USA);

2015:
“Cesare quand'era Pavese – hommage a CP”, Associazione Alessandro Marena, Torino e Galerie Rompone, Köln (D);
“(Un)Real”, David Richard Gallery, Santa Fe (USA);
“Una possibile sinestesia: l’incontro di musica e pittura” – presentazione della serie “Girotondo” e un colloquio tra Michele Bubacco e Luca Mosca, Teatrino di Palazzo Grassi, Venezia;
“5 x 5: Other Voices”, The Bruce High Quality Foundation, Zoya Cherkassky-Nnadi, Litvak Contemporary, Tel Aviv (Israel);
“Stripped to Tease?”, Locomot Contemporary Art, Wien (A);
“Bacan”, Markhof 2, Wien (A);

2013:
"Bonjour Venezia, Bonjour Vedova", Ikona Gallery, Venezia;

2012:
“Whitegray”, solo exhibition, Litvak Gallery, Tel Aviv (Israel);

2011
“Paesaggio italiano”, solo exhibition, Ventilazione, Wien (A);
“Paint it black on the white night - Wall painting”, solo exhibition, Ikona Gallery, Venezia;

2009:
Finalista ai Colomba International Art Award;

2008:
“Esposizione prima. Ecco i giovanissimi”, Villa Brandolini di Solighetto, Treviso;


Download testo critico